Benvenuti nel blog di Shiatsu Life, uno spazio dedicato allo Shiatsu e all’informazione sul benEssere.
Qui potete trovare una raccolta di studi, ricerche, articoli e altro che riguardano l'Essere Umano nella sua totalità.
Le voci "Su di me", "Trattamenti" e "Contatti" vi porteranno direttamente al sito ufficiale di Shiatsu Life

"Non mi sono accadute che cose inaspettate. Molto avrebbe potuto essere diverso se io fossi stato diverso. Ma tutto è stato come doveva essere; perché tutto è avvenuto in quanto io sono come sono." Carl Gustav Jung

lunedì 24 settembre 2012

Sale Rosa dell'Himalaya: il cristallo della salute


Le proprietà del sale cristallino
Il sale marino, noto anche come sale da cucina, normalmente consumato, ha perso le sue qualità in seguito all’inquinamento dei mari e al progressivo processo di industrializzazione che lo ha ripulito di minerali e oligoelementi essenziali riducendolo a cloruro di sodio. Nel nostro organismo, il cloruro di sodio viene circondato da molecole d’acqua che lo neutralizzano, ionizzandolo in sodio e cloro e sovraffaticando dunque gli organi escretori. Spesso il sale da cucina include anche specifici additivi e conservanti i quali evitano l'agglomerazione e migliorano la sua cospargibilità.
Per il corretto funzionamento del nostro organismo ci serve il sale nella sua pienezza, completo di tutti gli elementi naturali. Il sale di miniera è costituito per il 95% da salgemma, che conserva la sua integrità naturale, ed è perciò più pregevole del sale da cucina industriale. La valenza degli elementi in esso contenuti dipende dalla pressione a cui questi sono stati sottoposti nel corso delle ere geologiche, e dal conseguente legame con il reticolo cristallino. Il sale cristallino su cui è attualmente focalizzata la scienza proviene dall’Himalaya. Nel salgemma (il sale marino), i singoli elementi minerali sono legati solo parzialmente al reticolo cristallino. Un cristallo possiede invece una struttura geometrica regolare, con una disposizione spaziale ordinata degli elementi minerali aggiuntivi al cloro ed il sodio che li rende biochimicamente disponibili per le nostre cellule.
Le condizioni di pressione, protratta per milioni di anni, che determinarono la genesi dei massicci montuosi nella regione dell'Himalaya, furono così forti da portare alla formazione di reticoli cristallini perfettamente ordinati, compressi in vene in vene di colore bianco, rosato o rossiccio all'interno di vasti giacimenti sotterranei, determinando l'integrazione degli elementi minerali in una struttura reticolare perfettamente ordinata, e rendendoli facilmente assimilabili dalle cellule umane.

L’effetto terapeutico del sale
L’effetto terapeutico del sale è riconosciuto anche dalla medicina ufficiale. La speleoterapia sfrutta l’aria salubre all'interno delle grotte di sale per curare pazienti affetti da asma, malattie polmonari e affezioni dermatologiche. Siamo circondati da apparecchiature che emettono onde elettromagnetiche (televisione, computer, forni a microonde e telefoni cellulari) e disturbano l’equilibrio, nell’aria, tra le particelle con carica positiva e le particelle con carica negativa. L’effetto terapeutico del sale, oltre a rendere disponibili oligoelementi essenziali, si basa anche sullo spettro di oscillazioni dell'energia accumulato nel suo reticolo cristallino, capace di riequilibrare i deficit energetici dell'ambiente e dell’organismo.
In linea di principio tutti i sintomi delle patologie, e non solo di quelle a carico delle vie respiratorie, possono essere curate con le terapie a base di sale. Un’indagine eseguita su persone affette da patologie del fegato ha confermato questo dato in maniera impressionante: già dopo solo due ore e mezzo trascorse nella grotta di sale, i valori epatici dei pazienti migliorano visibilmente. Malattie conclamate e manifeste non si possono debellare in così breve tempo e poche persone possono permettersi di trascorrere ogni giorno, alcune ore, in una galleria di sale. La cura a base di soluzione idrosalina cristallina rappresenta una valida alternativa alla portata di tutti. In linea di principio tutti i sintomi delle patologie, e non solo di quelle a carico delle vie respiratorie, possono essere curate con le terapie a base di sale. Un’indagine eseguita su persone affette da patologie del fegato ha confermato questo dato in maniera impressionante: già dopo solo due ore e mezzo trascorse nella grotta di sale, i valori epatici dei pazienti migliorano visibilmente. Malattie conclamate e manifeste non si possono debellare in così breve tempo e poche persone possono permettersi di trascorrere ogni giorno, alcune ore, in una galleria di sale. Sostanzialmente esiste un’unica malattia, il deficit di energia. In presenza di una carenza energetica, l’organismo perde la capacità di rigenerarsi con accumuli e alterazioni tessutali a carico dei diversi organi. Una  cura a base di soluzione idrosalina cristallina rappresenta un'alternativa alla portata di tutti e in grado di trasmettere al corpo l'energia di cui necessita. Esiti positivi dopo tale cura sono stati riscontrati in malattie della pelle (psoriasi, eczemi e acne), malattie da raffreddamento, malatie dell'apparato muscolo-scheletrico (artrite, gotta, e artrosi), disturbi della digestione e del metabolismo, malattie del sistema cardiocircolatorio (aterosclerosi, ipo e ipertensione) e malattie del sistema nervoso (ansia e disturbi del sonno).

La natura non mente ed è nella globalità delle sue interazioni che possiamo riconoscere il senso e lo scopo dell’esistenza. Come predissero ben 350 anni fa gli indiani del Nord America, l’uomo bianco si sarebbe trovato davanti a tavole imbandite con piatti pieni, eppure senza nulla con cui nutrirsi. Non sarebbe stato necessario combattere il viso pallido, perchè questo si sarebbe estinto da solo. Occorre dunque prendere coscienza della qualità e dell'esistenza di correlazioni naturali tra le cose, ricordando che l’energia sta alla base di tutto, che può essere alterata in ogni momento e che, opportune correzioni dell'energia possono modificare la materia e, dunque, anche lo stato di salute di un organismo complesso quale quello umano.

Fonte: http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/sale-rosa-himalaya-salute.php

Nessun commento:

Posta un commento