Benvenuti nel blog di Shiatsu Life, uno spazio dedicato allo Shiatsu e all’informazione sul benEssere.
Qui potete trovare una raccolta di studi, ricerche, articoli e altro che riguardano l'Essere Umano nella sua totalità.
Le voci "Su di me", "Trattamenti" e "Contatti" vi porteranno direttamente al sito ufficiale di Shiatsu Life

"Non mi sono accadute che cose inaspettate. Molto avrebbe potuto essere diverso se io fossi stato diverso. Ma tutto è stato come doveva essere; perché tutto è avvenuto in quanto io sono come sono." Carl Gustav Jung

giovedì 27 settembre 2012

Sei nato per essere felice, una lezione di vita di Don Miguel Ruiz


Ognuno di noi spesso pensa: “Non sono abbastanza bravo. Non posso farcela. Non posso essere felice. Sono nato per soffrire. La vita è una valle di lacrime e siamo qui per soffrire, e se soffriamo con pazienza, quando moriamo andiamo in paradiso”. Tutte queste non sono che bugie, e noi ci crediamo.

Il modo in cui ci esprimiamo nella vita è con molta paura.
Ci giustifichiamo dicendo: “Oh, sono timido. Oh, non sono un bravo cantante. Non riesco a parlare in pubblico. Non sono un bravo artista”. Usiamo tutte queste convinzioni e bugie per limitarci nell’espressione di noi stessi. Siamo molto spaventati di vivere la vita.

Vuoi sapere la verità? Ogni essere umano è un artista. E l’arte principale che abbiamo è la creazione della nostra storia. Creiamo storie in cui viviamo, e questo è un po’ difficile da capire per gli essere umani ordinari, ma è una cosa estremamente bella quando abbiamo questa consapevolezza e ancor di più quando la cambiamo. E non è poi così difficile.

Quando recuperiamo la consapevolezza, scopriamo che le nostre relazioni migliorano, le relazioni con le persone che amiamo, con i nostri bambini, con i nostri genitori, con tutti coloro che ci circondano diventano molto, molto migliori.

Finalmente siamo abbastanza forti per guardare tutte quelle bugie in faccia e non crederci più. E il miracolo di questo è che ti fidi completamente di te stesso, non hai bisogno di confidare più in un guru, in un Dio esterno. Capisci Dio perché fai esperienza di Dio, e vedi Dio ovunque, perché vedi semplicemente la vita in azione continuamente.

Ogni cosa ti guida a cercare la tua felicità. Non puoi fare felice nessun altro eccetto te. Non puoi fare felici i tuoi figli, non puoi far felice tuo marito, non puoi far felici i tuoi genitori. Devono essere loro a far felici loro stessi. L’unica persona che puoi far felice sei tu.

È una scelta. Quando hai la consapevolezza non scegli di vivere nella tragedia. Scegli di essere felice. Questa sarà la tua scelta. E anche se il tuo corpo è in preda al dolore, puoi essere felice in ogni caso.

Ad esempio, un bimbo di uno o due anni ha mal di testa o prova dolore in una qualsiasi parte del corpo. Se qualcosa cattura la sua attenzione, vedrai un sorriso sul suo viso, finché non torna a concentrarsi su ciò che sta causando il dolore. Allora piangerà di nuovo.
Ma la nostra tendenza è di essere felici, e non è una cosa che riguardi il fatto di essere centrato sul sé. Se tu sei felice, infatti, la tua felicità si estenderà tutto intorno a te. Tutti sentiranno la tua presenza. Possono paragonarsi a te e scegliere di essere felici anche loro.

Io non seguo nessuna religione in particolare ma amo e rispetto tutte le filosofie e tutte le religioni. Vedo come sono nate, come si sono sviluppate, e quanto sono potenti. Ma non fa per me credere in una specifica divinità.


Quello in cui credo, infatti, è che l’infinito, l’assoluto, sia un essere vivente, l’unico essere vivente che esista veramente. E noi siamo tutti parte di quell’essere vivente. In base a questo punto di vista, il modo in cui io vedo l’universo, il modo in cui vedo Dio è la perfezione, come se esistesse solo la perfezione, e questo non è difficile da capire. La vita è molto, molto facile da capire, ma la complichiamo con le convinzioni e le idee che creiamo.

C’è un contrasto tra le due cose importanti che esistono veramente, cioè verità e bugie. Questa è una cosa che mi ha insegnato mio nonno nella mia adolescenza. Mi disse: “Miguel, sai che tutte le religioni e tutte le filosofie credono che ci sia un conflitto tra il bene e il male”. Questo, mi disse, non è esatto, perché il bene e il male sono solo il risultato di un contrasto che esiste solo nella mente umana. Non esiste per gli animali o per nient’altro. E mi disse che il conflitto è tra la verità e le bugie.


Se credi nella verità vivi nel bene, e tutto è gioia e felicità. Ma se credi nelle bugie, succederà l’esatto opposto. Potrei dire che la mia vita è una preghiera continua senza che io preghi. Come artista – e ogni essere umano è un artista – io contemplo ogni cosa. Mi godo le mie percezioni, assaporo i cambiamenti nel mio corpo fisico e il semplice fatto di essere vivo e provare gratitudine è la migliore preghiera che possiamo fare. Ti assicuro che io vedo Dio ovunque, vedo le azioni di Dio, percepisco la sua espressione in ogni cosa che vedo. Vivo in un costante stato di estasi.

Fonte: http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/don-miguel-ruiz-lezioni-di-vita-spirituale.php

Nessun commento:

Posta un commento