Benvenuti nel blog di Shiatsu Life, uno spazio dedicato allo Shiatsu e all’informazione sul benEssere.
Qui potete trovare una raccolta di studi, ricerche, articoli e altro che riguardano l'Essere Umano nella sua totalità.
Le voci "Su di me", "Trattamenti" e "Contatti" vi porteranno direttamente al sito ufficiale di Shiatsu Life

"Non mi sono accadute che cose inaspettate. Molto avrebbe potuto essere diverso se io fossi stato diverso. Ma tutto è stato come doveva essere; perché tutto è avvenuto in quanto io sono come sono." Carl Gustav Jung

mercoledì 10 aprile 2013

Evoluzione sì, ma senza selezione


Le Scienze Biologiche, Fisiche e Matematiche stanno svelando un percorso evolutivo della Realtà Inanimata (mondo minerale) e Animata (mondo vegetale e animale) che esclude il caso e il caos dai loro processi formativi (“nulla è a caso”).
C’è una precisa determinazione originaria dell’architettura vivente.
Essa è stabilita da regole geometriche che si susseguono dall’infinitamente piccolo (particelle sub-atomiche, atomiche, molecolari) fino ai sistemi viventi più evoluti (ad esempio l’organismo umano).
Non è quindi la casualità (salti evoluzionistici) o la selezione naturale (prevale il più adatto o il più forte) a stabilire le forme e le funzioni biologiche sempre più evolute, ma la “comunicazione” che le singole parti hanno tra loro in base ad un progetto architettonico già iscritto in essa (Simmetrie Architettoniche). La “combinazione” di particelle o schemi più semplici in strutture e funzioni sempre più complesse è possibile tramite dei messaggeri molecolari che interscambiano lo schema del progetto (“autoassemblaggio”). Più gli organismi sono complessi più sono evidenti le “simmetrie” architettoniche che vi sottendono.
L’esempio più evidente è la formazione dell’embrione umano: se le cellule embrionali vengono separate tra di loro possono continuare a dividersi ma, senza informazioni reciproche, sono incapaci di procedere nello sviluppo organizzativo finale e perdono di specificità (non hanno cioè comunicato chiaramente tra loro che appartengono ad un progetto originario comune).

È così impossibile la formazione di organi strutturati con una gerarchia cellulare (cervello, cuore ecc.) e quindi, in seguito, di organismi complessi, cioè formati da una gerarchia sensata di organi (il corpo umano vivente e completo).
Nell’embrione, poi nel feto e ancora nel neonato possiamo così vedere l’evoluzione spontanea dal semplice al complesso solo tramite la comunicazione tra le unità elementari, in base ad un progetto già inscritto in essa (l’ologramma, ovvero il tutto è già nella singola parte).
L’ordine e le simmetrie da una parte, e le gerarchie dei sistemi (dai meno ai più complessi) dall’altra, permettono quindi l’evolvere della realtà fisica che percepiamo.
In tutto ciò non esiste lotta o competizione che “seleziona” il migliore.
Tutto esiste necessariamente e non casualmente, cioè in base alla necessità di una forma che soddisfi una funzione.

L’interrompersi di questo ordine e di questa armonia evolutiva crea l’involuzione e la distruzione del sistema in questione.
E tutto ciò è visibile nelle Costellazioni Familiari, dove i cosiddetti Ordini dell’Amore sono il rispetto gerarchico di chi viene prima (i grandi) da parte di chi viene dopo (i piccoli).
Nasce così un “ambiente interno” cellulare sempre più fortemente organizzato e costante, e un “ambiente esterno” dove tutto fluttua ed è variabile.
E nelle Costellazioni Familiari è visibile un’altra analogia con la Biologia.
Gli organismi viventi unicellulari “infettano” (= vengono ospitati da) altri organismi viventi, con una differente storia evolutiva, per meglio rafforzare e stabilizzare il proprio “ambiente interno” contro la variabilità dell’”ambiente esterno” (in altre parole è una unione di stirpi diverse).
La reciprocità, il mutuo sostegno, la fedeltà al progetto comune sono i mezzi con i quali questi organismi viventi garantiscono lunga vita alla propria specie-progenie.
E questo è riscontrabile nelle Costellazioni Familiari dove la fedeltà di branco/tribù è spesso la chiave per osservare con chiarezza quel sistema familiare.

Quello che Bert Hellinger, con le Costellazioni Familiari, ha reso evidente è che le scale dimensionali dei vari piani di realtà assumono tutte la loro struttura, secondo quei principi organizzativi che la natura stessa ha sviluppato al fine di sostenere la rete della vita (“la teoria della complessità” dei fisici o la “dinamica non lineare dei matematici”).
E proprio la Dimensione Umana, tra quelle che conosciamo, è la più vicina all’Energia Primaria che è il Progetto Architettonico Sistemico Originale.
Ciò che non è al suo posto nell’Ordine Sistemico è in dissonanza con il processo dinamico (autoevoluzione continua) che è la Vita stessa. Vita che è l’istante dello spazio infinito sotteso tra i due poli di una situazione temporale in permanente antitesi: nascita-morte, maschile-femminile, vuoto-pieno, positivo-negativo, forma(simmetria)-funzione(assimetria).

Nelle Costellazioni Familiari l’osservatore “facilita” il ritorno alla simmetria (la Forma originaria del progetto architettonico) dall’asimmetria che rende necessaria la Funzione (cioè la “Reazione” Biologica Sensata o Disordine o Malattia ben descritta da Ryke Geerd Hamer nelle sue Leggi Biologiche).
In parole più semplici, se in un albero genealogico qualcuno si mette in un posto sbagliato (ad esempio il grande al posto del piccolo o viceversa) l’asimmetria così generata ha bisogno di una crisi funzionale (ad esempio una cosiddetta malattia) per ripristinare la simmetria del sistema e la sua evoluzione, (evoluzione = ritorno, su una scala a spirale, alla forma del progetto architettonico originale del Sistema).
È così che la funzione è generata dall’asimmetria e la forma dalla simmetria, in perpetua costante alternanza in tutto l’Universo.
E la pura Energia (Ordine, Tutto, Architettura Originaria, Unità, Divino o comunque si voglia chiamare) è ciò a cui tende l’Evoluzione del Mondo Reale.

Hellinger e le Costellazioni Familiari
Bert Hellinger è riconosciuto a livello internazionale come il precursore e il fondatore del metodo terapeutico delle Costellazioni Familiari che raccoglie consensi e riconoscimenti sia nell’ambito accademico che da parte di tutte le persone che sperimentano gli effetti di questo lavoro. Bert Hellinger conduce conferenze e seminari in ogni parte del Mondo.
Le Costellazioni Familiari consentono di scoprire e sciogliere i “blocchi” familiari che si trasmettono di generazione in generazione e che sono cause di disturbi psichici e fisici. Rappresentano un valido contributo per affrontare problematiche relazionali, professionali o legate a malattie.

Fonte: http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/evoluzione-si-ma-senza-selezione.php

Nessun commento:

Posta un commento